La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Lettera dallo Scalcerle…

Posted by comitatonogelmini su 4 dicembre 2010

Padova – 2 dicembre 2010

Cari genitori,

quali alternative avevamo all’occupazione? Quando mai le nostre opinioni hanno avuto peso politico? Le ritenete ingenue e infantili?

Abbiamo occupato:

  1. Per diffondere informazione e consapevolezza di ciò che sta accadendo tra i nostri coetanei tramite gruppi di discussione, incontri con studenti universitari e ricercatori.
  2. Per trasmettere un forte gesto di critica alla riforma della Pubblica Istruzione che per 8 miliardi di euro taglia ore di insegnamento, laboratori ed eccellenze didattiche (senza colpire gli eventuali “fannulloni” o gli sprechi reali). L’istruzione è difatti la colonna portante di un paese e non investire su questa lo riteniamo imperdonabile.
  3. Per PAURA DEL FUTURO. Vogliamo il diritto di influire sulle scelte che riguardano la nostra istruzione e il nostro domani. Temiamo infatti che, svalutando la cultura e demotivando le giovani menti, ci facciano diventare delle marionette apatiche e facili da manipolare e strumentalizzare. Non ci vogliono cittadini consapevoli e attivi ma spettatori e consumatori acefali.
  4. Per il nostro diritto all’Università che è destinato a diventare un privilegio. Aumentando le rette universitarie e diminuendo le borse di studio, le facilitazioni agli studenti fuori sede e sovvenzionando infine le università Private (vedi CEPU) il governo renderà l’istruzione universitaria accessibile solo alla classe sociale più agiata.

Ci consegnate un paese con 1.800 miliardi di euro di debiti, con una classe politica derisa a livello internazionale, vecchia, che presenta al suo interno pregiudicati e persone colluse con la mafia, ma soprattutto più attenta a fare gli interessi della Casta politico-industriale che quelli degli italiani.

Non dimenticate che noi giovani di oggi siamo gli adulti di domani. Dovremo reggere sulle nostre spalle voi e il peso del nostro paese disastrato, dunque, è prima di tutto un vostro interesse assicurarvi che ne avremo le capacità.

Lo sapete che:

  • L’evasione fiscale ogni anno fa perdere allo Stato italiano 143 miliardi di euro. Perché non si adottano misure severe ispirandosi ad alcuni stati occidentali?
  • Le tasse televisive all’estero portano nelle casse dello stato 4-6 miliardi di euro all’anno, mentre in Italia il dato è ridicolo (1% del fatturato). Perché non si chiedono al Presidente del Consiglio gli arretrati dato il conflitto di interessi?
  • Solo i costi della politica istituzionale romana (Camera, Senato, Presidente della Repubblica e Corte Costituzionale) ammontano a 1,7 miliardi di euro: il doppio di quelli tedeschi e il quadruplo di quelli spagnoli. Perché non ridurli a un quarto risparmiando 1,3 miliardi?
  • La mafia è la più grande azienda italiana che fattura ogni anno 130 miliardi di euro e un utile che sfiora i 70 miliardi, al netto degli investimenti e degli accantonamenti. Perché non si sequestrano tutti i suoi beni?
  • In Italia le assicurazioni auto costano il doppio che in Europa perché l’Authority che dovrebbe multarle, nominata dal governo, non lo fa.
  • Nel 2010 le spese militari ammonteranno a 23,5 miliardi di euro, mentre la Cina, ad esempio, investe proporzionalmente meno in armi e più in crescita economica.

Noi occupanti chiediamo a voi genitori di votare con maggiore consapevolezza e meno istintività. Dal nostro osservatorio quotidiano vediamo di anno in anno il diminuire dell’offerta dei servizi gratuiti delle scuole e l’aumento delle rette: si tratta comunque di “mettere le mani” nelle tasche delle famiglie!

Chiediamo ai politici di creare equità tra i cittadini abbattendo i privilegi delle tante categorie e di valorizzare cultura, meritocrazia vera e competitività, fondamentali per lo sviluppo del nostro paese. Non dovete limitare il nostro diritto allo studio perché così facendo il sistema Italia non sarà in grado di competere con gli altri paesi che al contrario aumentano le spese per istruzione e ricerca.

Il Comitato promotore dell’occupazione

Una Risposta to “Lettera dallo Scalcerle…”

  1. Complimenti ragazzi!
    Possiamo pubblicare il vostro articolo sul nostro sito?
    Coraggio, non siete da soli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...