La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

28 gennaio: un buon anno in piazza

Posted by comitatonogelmini su 4 gennaio 2011

 

di Luigi Ambrosi
da Retescuole
3 gennaio 2011
Il 28 gennaio costruiamo la mobilitazione generale anche della scuola insieme ai metalmeccanici

Abbiamo chiuso l’anno con mesi di mobilitazione straordinaria e senza precedenti del popolo della scuola, studenti medi ed universitari in prima fila. Non appena approvata la contro-riforma Gelmini, sui muri delle scuole le V di vergogna si sono alternate alle V di vendetta.

Scuola, questione giovanile, disoccupazione e precariato, furto del futuro sono diventate tema e questione sociale ormai stabilmente presente tra la popolazione, nonostante i tentativi di trasformarla in problema di ordine pubblico.

Le lotte degli studenti hanno trovato un consenso crescente non solo tra gli insegnanti, ma anche nella società civile e tra gli immigrati con cui si è condivisa più di una lotta: gli applausi ai cortei studenteschi nei quartieri popolari a forte presenza migratoria sono un segnale di un fronte di alleanza che si sta pian piano saldando.

Ma il fronte di lotta più decisivo per il prossimo futuro è quello aperto dai metalmeccanici della Fiom o, a dir si voglia, dall’offensiva padronale capeggiata dalla Fiat; offensiva che mette in gioco i diritti nel luogo principe della società: la fabbrica.

E qui ci si richiama alla precedente mobilitazione comune, operai e scuola, a Roma il 18 novembre scorso a simboleggiare una alleanza anch’essa in via di saldatura. perchè l’attacco ai beni comuni è un fatto evidente: non è un caso che il 23 dicembre sia stata firmata la Legge Gelmini e, in contemporanea, l’accordo anti-lavoratori della Fiat Mirafiori, che entrambi i fatti si contendessero il titolo di prima pagina sui giornali; quel giorno la Gelmini annunciava “Abbiamo chiuso col ’68” e Merchionne contemporaneamente annunciava “Abbiamo chiuso un ciclo di quarant’anni” (di lotte operaie per i diritti).

Queste sono le poste in gioco e per questo la scuola deve partecipare in forza alla mobilitazione del 28 gennaio, unendosi ai cortei dei metalmeccanici; il popolo della scuola e gli studenti non mancheranno a questo appuntamento per un “buon anno” di lotta; che anche le rappresentanze sindacali di base nella scuola si dichiarino e premano per lo sciopero generale e per la partecipazione a questo sciopero: sciopero il 28 gennaio e sciopero generale al più presto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...