La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Padova: insegnanti contro la censura

Posted by comitatonogelmini su 27 gennaio 2011

27 gennaio 2011
Il Comitato Genitori ed Insegnanti per la Scuola Pubblica di Padova e provincia aderisce al seguente appello ed invita tutti i docenti a sottoscriverlo
per firmare clicca qui
 

INSEGNANTI DELLE  SCUOLE PADOVANE PER IL GIORNO DELLA MEMORIA

‘Elenchi di opere la cui pubblicazione, diffusione o ristampa nel regno è stata vietata dal ministero della cultura popolare.’: erano gli ‘sgraditi’, testi di scrittori ebrei epurati dalle biblioteche del Regno ed eliminati dalle librerie e dalle bancarelle; a questi si aggiungevano testi la cui lettura era vietata perchè non conformi all’ideologia di regime.
Ai libri censurati veniva messo un timbro azzurro con la sigla “lib. sg.”. Vennero marchiati così non solo tutti gli scrittori ebrei (letterati, storici, filosofi, scienziati) ma anche opere classiche; una sfliza di nomi e cognomi lunga un’ottantina di pagine e costantemente aggiornata: Sigmund Freud, Carlo Levi, Cesare Lombroso, Thomas Mann, Alberto Moravia, Pietro Nenni, Pitigrilli (Dino Segre), Joseph Roth, Gaetano Salvemini, Arthur Schnitzler, Italo Svevo, ma anche l’Ars amandi, il Decamerone, le opere di Voltaire e di Allan Poe.
Questa lista di ‘morte’ civile e culturale di un Paese allo sbando era la diretta conseguenza del “Manifesto sulla purezza della razza”, pubblicato nel 1938, firmato da una decina di intellettuali e appoggiato da illustri esponenti del mondo scientifico ed accademico.
Questa lista prefigurava le liste della morte che sarebbero arrivate di lì a poco; non ci voleva molto per capirlo. Eppure…
L’elenco, conservato ancora tra gli scaffali dell’archivio storico della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, sarà esposto al pubblico domani, in occasione del Giorno della Memoria. Così noi insegnanti padovani abbiamo deciso di celebrare questa ricorrenza, spiegando e leggendo insieme ai ragazzi questi documenti, per raccontar loro di quando i libri furono rimossi dagli scaffali, i lettori esclusi, gli impiegati e i funzionari licenziate; per raccontare quei giorni bui in cui le libertà, giorno dopo giorno, si sgretolavano, preannunciando ulteriori macerie.

Nella nostra amata Costituzione è scritto ‘La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della nazione’ e ancora ‘Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili’ e ancora e ancora ‘L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento’.
Di fronte ai recenti casi di censura proclamata contro alcuni scrittori italiani ‘sgraditi’ e alle misteriose sparizioni dagli scaffali di una biblioteca delle loro opere, questo ci sembra il miglior modo di ricordare il passato e scongiurare l’incalzante deriva antidemocratica del presente.

Alcuni insegnanti delle scuole padovane:

Carla Buzzoni, Marialuisa Cuoco, Daniele D’Arduini, Mariateresa De Santis, Mariateresa Di Riso, Giovanna Galeazzo, Guido Galesso, Attilio Motta, Fernando Perissinotto, Rosa Puca, Davide Sette, Agnese Solero,Cristina Tanghetti, Alessandro Todaro, Giuseppe Zampieri, Angelo Zuppardo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...