La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Padova Ticket Crossing: condividi il tuo biglietto!

Posted by comitatonogelmini su 6 aprile 2011

Precari in action
da Globalproject.info
Padova – 5 aprile 2011

Si è svolto questa mattina il primo Ticket Crossing a Padova, iniziativa dei “Precari in Action” per il diritto alla mobilità e al trasporto pubblico. La protesta è iniziata con un volantinaggio presso la stazione Ferroviara ed è proseguita con l’allestimento dei Ticket Crossing Point lungo le principali fermate dell’autobus e del tram.

Cos’è il ticket Crossing?

Il Ticket Crossing è una pratica di resistenza dal basso, contro la crisi e per la difesa del trasporto pubblico. Significa continuare a pagare il biglietto, ma sfruttarlo per tutti i suoi 75 minuti, condividendolo tra gli utenti. Diventare un Ticket Crosser è semplice, divertente e solidale: oblitera il biglietto, conservalo fino alla tua destinazione.

Prima di scendere dal bus o dal tram, controlla quanto tempo di validità rimane e inseriscilo nella fessura dell’obliteratrice, senza timbrare nuovamente. Oppure deposita il biglietto nel punto di “ticket crossing”, che trovi nei pressi di tante fermate.

Prima di salire sul bus, controlla che qualcuno non abbia lasciato un biglietto ancora valido nel punto di scambio o, a bordo, già infilato nell’obliteratrice. Approfitta del minutaggio rimanente e, se arrivi prima del termine della validità, ripeti l’operazione.

Come fare un nuovo ticket Crossing Point?

Presso molte fermate stiamo allestendo i ticket crossing points, ossia semplici bottiglie di plastica appositamente modificate per consentire lo scambio dei biglietti già convalidati. In questo modo per gli utenti sarà possibile non sprecare i biglietti ancora in corso di validità una volta terminata la corsa, e ad altri utenti di approfittare del minutaggio rimanente. Se non c’è ancora un punto di scambio alla fermata vicino casa, lavoro o scuola, ciascuno può facilmente crearla: basta aprire una fessura in cima e una finestra in fondo a una comune bottiglia di plastica e attaccarla con il nastro adesivo a un palo nei pressi della fermata.

Oppure inventa il tuo ticket crossing point…

Cosa non va in APS?

Utenti e lavoratori sono uniti nel contrastare gli effetti dei tagli che la regione sta praticando nei confronti del trasporto pubblico su gomma, pari circa al 25%. D’innanzi a noi si prospettano aumenti dei costi dei biglietti, tagli ai posti di lavoro e conseguenti condizioni sempre meno dignitose, riduzione dei servizi e delle linee all’interno del territorio cittadino e provinciale.

Con la scusa della crisi, non solo si svuotano le tasche dei cittadini, ma li si lascia anche a piedi! Il trasporto pubblico è essenziale per una città che vuole assicurare il diritto alla mobilità, ridurre i consumi energetici e rendere l’aria respirabile, disincentivando l’utilizzo di mezzi privati. Da quando il servizio pubblico ha come obiettivo l’essere produttivo? Lo stesso dovrebbe agire per il bene della collettività, non per il profitto.

Cosa chiediamo all’ APS?

APS e Comune di Padova amministrano un bene comune, e devono assicurare un servizio sicuro, ecologico e accessibile a tutti. È necessario un ripensamento complessivo delle politiche di mobilità cittadina, che incentivi il trasporto pubblico rendendolo agibile per tutti. Quello che chiediamo è non solo che i costi della crisi non vengano scaricati sulle spalle della cittadinanza, ma al contrario un incentivo degli investimenti sul pubblico trasporto, l’aumento delle linee e degli orari di copertura dei servizi, il miglioramento delle condizioni lavorative in termini di garanzie e diritti per i lavoratori ed una reale agevolazione, che preveda un’esponenziale abbattimento dei prezzi, per tutti coloro che usufruiscono dell’abbonamento mensile e annuale.

Il ticket Crossing è legale?

Sul retro del biglietto è scritto (a caratteri minuscoli) che lo stesso “non è cedibile e deve essere conservato per tutta la durata del viaggio”.

Noi invitiamo a seguire quanto prescritto e, una volta giunti a destinazione, “gettare” il biglietto non nei rifiuti, ma in appositi contenitori nei pressi delle fermate, dove altri utenti potranno usufruire dei minuti di validità restanti. Non sappiamo come pensino di accertare il riutilizzo dei biglietti, ma diffidiamo l’azienda o altri dal rimuovere i contenitori destinati allo scambio. Il Ticket Crossing è una pratica legittima, solidale, ecologica e giusta! Se cooperare è illegale, noi disobbediamo!

Ticket Crossing: la mappa a Padova

Advertisements

Una Risposta to “Padova Ticket Crossing: condividi il tuo biglietto!”

  1. Rossella said

    A Torino, città in cui ho vissuto fino a 16 anni fa, è possibile utilizzare il biglietto anche oltre l’orario di scadenza, previo effettuare la seconda timbratura sull’ultima cosa effettuata. Da quel momento, il biglietto rimarrà valido, anche oltre la scadenza dalla prima timbratura, fino alla discesa dal mezzo. Questo succedeva già 20 anni fa. L’ho sempre detto che Torino è oltre. Perchè i nostri ammionistratori non cercano di mutuare l prassi positive ed ecosostenibili dai comuni più virtuosi?
    Padova è una città veramente giurassica sulla gestione dei mezzi pubblici. Io la frequento da 23 anni e, vi assicuro, gli orari sono sempre stati quelli ed il servizio non è MAI stato migliorato, soprattuto nei periodi serali, estivi e nei wekk end, quuando è addirittura carente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...