La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

I fantasmi del Louvre

Posted by comitatonogelmini su 8 ottobre 2011

dalla mailing list dell’XI Istituto Compresivo “Vivaldi” di Padova
8 ottobre 2011

Buon giorno,

vorrei fare una richiesta, da mamma ma soprattutto da operatore scolastico.

Sono mamma di un alunno che studia nel nostro istituto, mi chiamo Raffaela, e alcuni di voi gia mi conoscono.

Da alcuni anni lavoro come Collaboratore scolastico, precaria, e non ho sede fissa ma supplisco le assenze in attesa di raggiungere la meta del ruolo.

Molto spesso dialogando con i genitori mi capita di sentirmi chiedere qual è il nostro ruolo nella scuola; per diverse persone il “bidello” è la persona piu informata di tutti i mali della terra in quanto ha il tempo di leggere giornali scandalistici o “dizionari” di Gossip.

Io sorrido e gli rispondo: ” ma secondo te…. chi pulisce?? tanto per iniziare!e quindi proseguo:

al mattino siamo fatine: accoglienza alunni, aiuto alle maestre, fotocopie, porta che suona, genitori che portano la penna al figlio (e che si incavolano se non la consegni all istante, come se fosse nostra responsabilità), conteggio presenze per la mensa, attenzione alle diete, distribuzione merende, telefono che suona, materiali che arrivano…………….”

Poi arriva mezzogiorno, (non abbiamo diritto a pause e ci si accorge che dalle 7.30 che… manco il caffè!, non abbiamo diritto al pasto perche il nostro orario è max di h 7.12 e quindi fino alle 14.42 si va avanti, entra in servizio il collega del pomeriggio alle 11.48, non ha diritto al pasto e deve restare fino alle 19, digiuno e arzillo) suona la campana per il pranzo dei bambini e quindi:

la carrozza diventa una zucca… i cavalli ritornano topini…. la bacchetta magica si trasforma in scopa… e la polvere di stelle…….. TERRAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!

La fatina diventa una strega, brutta, con un bel bubone sulla punta del naso, le unghie ingialliscono per l’uso di prodotti acidi che si usano in eccesso per la pulizia dei banchi scritti, incollati, e… smoccolati dai nostri figli… la pelle delle mani è tutta rovinata e il panno delle pulizie ormai appiccicoso (ne danno pochissimi e bisogna consumarli prima di cambiarli) diventa tuttuno con le mani…..”

Ha reso l’immagine?

Concludendo, i bidelli hanno molteplici funzioni all interno di un plesso: son coloro che effettuano l’apertura e la chiusura  della scuola; durante le festività e le vacanze estive fanno ferie ma a turno perche la scuola deve essere lavata a fondo; sono quelli che coccolano i bambini quando si sbucciano il ginocchio o quando si tagliano il ditino con un foglio di carta e applicano il cerottino, se hanno la febbre, o vomitano, se han male il pancino ….i bidelli sono sempre pronti a donare un sorriso o un abbraccio nel tentativo di evitare che il genitore debba correre in soccorso al proprio figlio abbandonando magari il lavoro di corsa; i bidelli son quelli che sanno le allergie, conoscono i nomi dalla 1° alla 5° e imparano negli anni a sapere quando il bimbo sta veramente male e chiamare i genitori; i bidelli percorrono le mille miglia in una giornata consumando scale e corridoi all interno della scuola e son quelli che cercano di dare una parvenza di pulito alle aule ai bagni.

Dico parvenza perche i tagli son stati cosi tanti che, per dirne una, alla primaria D.Valeri c’è un bidello al mattino e uno al pomeriggio, la terza bidella è al ctp e finisce alle 16.30; il bidello del pomeriggio inizia il turno pulendo la mensa e finisce alle 19 dopo aver lavato da solo corridoi, aule (banchi, lavagna, pavimento, spolvero mobili,….) bagni, scale, atrio ……

Insomma per essere l’ultima ruota del carro mi sembra che il carro porti un fardello molto pesante e nessuno ne conosce l entità.

Cio che poi mi rattrista è che se una maestra è perdente posto…. siamo pronti a manifestare perchè continui giustamente il percorso di istruzione con i propri figli, ma  se un bidello è solo a tenere in piedi la scuola…. non lo sa nessuno.

Mi piacerebbe che si iniziasse a riconoscere il lavoro svolto da questa figura del “collaboratore scolastico” e vi assicuro che nei paesini tutti lo apprezzano perche il bidello è visto un po come l’istituzione locale ma in città siamo “i fantasmi del Louvre”.

Ringrazio fin da ora chi vorrà dar seguito a questa richiesta

Raffaela

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...