La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Convenzione per la scuola bene comune

Posted by comitatonogelmini su 27 marzo 2012

Riportiamo di seguito l’articolo di Anna Maria Bruni pubblicato da Il Manifesto domenica 25 marzo (e solo da oggi scaricabile) sulla  Convenzione per la scuola bene comune: nella sua sinteticità ci sembra quello che meglio riassume cosa è successo a Bologna

Nasce la «Convenzione nazionale della scuola bene comune, per una nuova primavera della scuola pubblica». Questo l’intento della seconda giornata dell’«Urlo della scuola», organizzato per il 23 e 24 marzo da numerose associazioni di genitori, studenti e insegnanti.

Dopo la miriade di iniziative locali che hanno preso vita nella prima giornata, con più di 300 adesioni di comitati e associazioni e 2.700 persone (vedi www.urlodellascuola.it ), ieri si è svolto l’appuntamento nazionale a Bologna. Un’intera giornata di discussione, base la «Carta dell’Urlo della scuola bene comune», con l’obiettivo esplicito di portare a casa la legge «Per una buona scuola della Repubblica» che giace in parlamento dal 2009, affiancandola ad un’altra che finora ha subito identico trattamento, quella per l’acqua pubblica. Non a caso l’apertura della giornata è stata affidata proprio a un videomessaggio di Alex Zanotelli, promotore d’eccezione del referendum di giugno. Accanto a lui Costanza Boccarda, mamma di Napoli e «militante» di entrambe le battaglie, ha mirabilmente spiegato il percorso che ha portato a una simile mobilitazione. Un percorso che ha rimesso al centro le relazioni e su quelle ha costruito quell’alternativa che si chiama «bene comune»Proprio questo percorso e soprattutto la resistenza dei valsusini sono stati portati ad esempio per tutta la giornata. Battaglie su cui ricucire un terreno condiviso che non può più essere rimandato, e che pone il problema dell’«autogoverno», citato in molti interventi.

A poca distanza gli universitari giunti a Bologna da tanti atenei, spiega al manifesto Francesca Coin, sociologa dell’Università di Bologna – con l’intento di rimettere al centro il diritto allo studio, contro la stessa logica che sta portando alla distruzione dell’università pubblica attraverso tagli e privatizzazione. «I decreti 436 e 437 varati in questi giorni sulla riduzione del personale accademico e sulla chiusura di alcuni atenei sono al centro della discussione perché – fa sapere – sono parte integrante della logica di precarizzazione che rende le università un bacino per un mercato del lavoro senza diritti». Infatti anche «la proposta, che giriamo all’assemblea della scuola, di un controsondaggio sul valore legale del titolo di studio per contrastare quello lanciato dal ministro Profumo, va in questa direzione».

Diritto allo studio e diritto al lavoro come questioni inscindibili, così come disegnati dalla Costituzione. Ed è su questa che si appunta un’altra proposta della giornata: un referendum per bocciare la legge 62/2000 di Berlinguer, che promuove le scuole paritarie aprendo così al finanziamento alle scuole private. Questa sarà la prima iniziativa che la Convenzione metterà in piedi, con una «casa nazionale» e un «quaderno di lavoro» comuni e voluti all’unanimità dalle due assemblee.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...