La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

No alle prove Invalsi

Posted by comitatonogelmini su 23 aprile 2012

Più di 5000 insegnanti, genitori e studenti hanno proposto al parlamento un emendamento al DL n. 5/12 (semplificazioni) che voleva rendere i test Invalsi:

  • più scientifici (a campione, come nel resto d’Europa),
  • più fruibili per le scuole (per favorire il processo di autovalutazione) ,
  • più contenuti nei costi esorbitanti che l’art. 51 del DL n. 5 intende in parte scaricare sulle scuole e sui docenti, con un presunto obbligo  a gestirli gratuitamente.

Tale emendamento è stato trasformato in un o.d.g. approvato dalla Commissione affari costituzionali del Senato e fatto proprio dal governo in data 27/03/12.

Chiediamo  al Ministro di dare corso a questo impegno già dalle prove di questo anno.

In caso contrario invitiamo

  • gli insegnanti a non collaborare alle prove, avendone essi piena facoltà, in quanto “ordinaria attività d’istituto”, paragonabile quindi a visite d’istruzione o progetti aggiuntivi;                                            
  • i genitori  a non mandare i propri figli a scuola o comunque a non far compilare il questionario personale, che viola la privacy;                                                                                  
  • gli studenti delle scuole superiori a non frequentare la scuola nei giorni delle prove o a non rispondere alle domande e in particolare al questionario personale (lasciandole in bianco o in altri modi).

Le prove Invalsi obbligherebbero ogni anno tre milioni di studenti (quelli di seconda e quinta elementare, prima e terza media, seconda e prossimamente quinta superiore) a sottoporsi a test a risposta chiusa uguali per tutti, finalizzati a costruire un’anagrafe, ed un conseguente  percorso scolastico staccato dal peculiare contesto di appartenenza.

Perché diciamo NO a queste prove Invalsi

  • Perché siamo per  una scuola che concorra alla formazione dei cittadini e contro  una scuola che produca soltanto lavoratori acquiescenti.
  • Perché gli alunni hanno il diritto a sviluppare “attraverso un confronto aperto di posizioni culturali la loro personalità” art. 1, c. 2 Dlvo 297/94.
  • Perché con tali test si pretende di valutare anche il sistema, le scuole e gli insegnanti.
  • Perché, attraverso il loro utilizzo, si mette in discussione la libertà di insegnamento, spingendo i docenti a pratiche didattiche mirate innanzitutto al superamento dei test.
  • Perché si vogliono scaricare i costi esorbitanti di tale operazione sulle scuole e sugli insegnanti, oltre che sull’intera società, in questo momento di grave crisi economica;
  • Perché un sistema di accountability, focalizzato per giunta sulla parziale valutazione degli apprendimenti disciplinari, non è in grado di catturare né la ricchezza delle competenze costitutive del capitale umano dello studente (competenze cognitive, tecniche e trasversali), né la varietà degli approcci didattici, organizzativi e gestionali, attraverso i quali le scuole possono raggiungere elevati standard di apprendimento per i loro studenti.

Per tutti questi motivi e per ricordare al ministro Profumo  gli impegni assunti dal governo in relazione all’o.d.g. assunto il 27/03/2012, abbiamo inviato al MIUR  una richiesta di incontro urgente.

Noi pensiamo che un processo di valutazione delle scuole abbia senso solo se agganciato ad un progetto politico di rilancio dell’istruzione pubblica statale in Italia.

Ass. ne naz.le Scuola della Repubblica, CISP-Centro Insegnanti Scuola Pubblica- Roma, Coordinamento Scuole Secondarie- Roma, Comitato bolognese Scuola e Costituzione, CIP Ass. Nazionale, Gdl dell’assemblea genitori e insegnanti delle scuole di Bologna e provincia, Comitato Genitori ed Insegnanti per la Scuola Pubblica di Padova, ScuolaFutura Carpi, Coordinamento Buona Scuola Carpi, La scuola siamo noi Parma, Ass. di Firenze Per la scuola della Repubblica, CGD Pordenone, RSU Iqbal Masih Roma.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...