La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Un decreto inaccettabile!

Posted by comitatonogelmini su 27 agosto 2012

di Bruno Moretto
da Comitato Bolognese Scuola e Costituzione
27 agosto 2012
A proposito del DPR approvato dal C.D.M. del 24 agosto 2012 sull’istituzione del sistema nazionale di valutazione

 

La prima cosa che colpisce è il comunicato stampa del Ministero del 24 agosto dove si afferma che il decreto “fornisce una risposta all’impegno preciso richiesto dall’Europa di sostenere, con un programma di ristrutturazione, le scuole che hanno fatto registrare risultati insoddisfacenti.”
Si prosegue pertanto sulla linea gelminiana tesa a mettere sotto controllo l’autonomia del sistema scolastico costringendo le scuole ad abbandonare dal proprio obiettivo formativo quello costituzionale della formazione del cittadino ai sensi dell’art. 3. Con il decreto viene sancito definitivamente che sarà il Ministro che definirà le strategie educative e, attraverso l’Invalsi, “gli indicatori di efficienza e di efficacia in base ai quali il Servizio Nazionale di Valutazione individua le istituzioni scolastiche e formative che necessitano di supporto e da sottoporre prioritariamente a valutazione esterna.”
Si minaccia apertamente la chiusura delle scuole recalcitranti in linea con l’impostazione anglosassone.

 

Il decreto attribuisce un potere spropositato all’Invalsi che:” assicura il coordinamento funzionale del Servizio Nazionale di Valutazione, propone i protocolli di valutazione e il piano delle visite degli ispettori alle scuole, definisce gli indicatori di efficienza e di efficacia, redige un rapporto sul sistema …” e così via, rispondendo delle sue azioni al solo ministro.
Per di piùcura la selezione, la formazione dell’elenco degli esperti dei nuclei della valutazione esterna  e pure quella degli ispettori “. Il tutto con modalità interne e discrezionali senza  alcuna previsione di un concorso pubblico almeno per titoli, confermando pertanto lo stile clientelare con il quale sono stati selezionati i componenti dell’Invalsi fino ad ora.

 

Per la prima volta in una disposizione di legge all’art. 2. C 6 si prevede che “le istituzioni scolastiche sono soggette a periodiche rilevazioni nazionali sugli apprendimenti e sulle competenze degli studenti, predisposte e organizzate dall’Invalsi…. Tali rilevazioni sono effettuate su base censuaria nelle classi seconda e quinta della scuola primaria, prima e terza della secondaria di primo grado, seconda e ultima della scuola superiore.”  Si Introduce l’obbligo per le scuole a essere sottoposte alle rilevazioni e quello corrispondente per gli studenti, confermando l’impostazione del documento richiesto dalla Gelmini ai proff. Cecchi, Ichino, Vittadini, del dicembre 2008, che proponeva l’anagrafe degli studenti dalla quale  chiunque potesse risalire ai risultati scolastici nei test  di ogni alunno, con il risultato di rendere ininfluente la valutazione da parte dei docenti.
Si abbandona definitivamente l’impostazione della valutazione di sistema a campione che è prevalente in Europa continuando ad utilizzare (posizione già criticata dalla Commissione europea)  gli stessi test per la valutazione di sistema, quella delle scuole, quella degli insegnanti e quella degli studenti, e per di più a mescolare l’utilizzo di test per la valutazione finale in terza media e quinta superiore con le tipologie di prova oggi previste. (per approfondire clicca qui)

 

Si definisce poi per legge l’utilizzo del metodo del valore aggiunto sulla cui mancanza di attendibilità esiste una fiorente letteratura di esperti statistici e che nessun paese europeo utilizza.  Per approfondire  vedi l’articolo di Giorgio Tassinari.

 

Per finire si prevede la pubblicazione dei risultati, in contrasto con la posizione di tutti i paesi europei ad esclusione della Gran Bretagna.  (Vedi ancora qui)  

 

Il richiamo allo strumento dell’autovalutazione da parte delle scuole è quindi solo fumo sparso per nascondere che “l’analisi e la verifica del proprio servizio (da parte delle scuole) si deve basare sulle rilevazioni degli apprendimenti restituite dall’Invalsi e solo “oltre” da elementi aggiuntivi decisi dalle scuole.

 

Il decreto è quindi il tentativo più avanzato di affossare la scuola della Repubblica, fondata sulla libertà di insegnamento, per proporre un sistema finalizzato all’inserimento precoce nel mondo del lavoro precario e sottopagato, per il quale è sufficiente saper scrivere e far di conto e poco più.

 

Il compito di garantire la scuola di qualità è delegato al privato che continua ad essere sostenuto economicamente e a non essere toccato dai tagli.

Lo strumento della valutazione della scuola statale è quindi il cavallo di Troia di questa operazione che è  stata appaltata a Comunione e Liberazione attraverso la figura di Giorgio Vittadini, estensore del documento che definisce il quadro del sistema di valutazione e presidente della Fondazione per la sussidiarietà e di Elena Ugolini, preside del Liceo privato Malpighi di Bologna, commissario straordinario dell’Invalsi e oggi sottosegretaria all’Istruzione con la delega sulla valutazione.

Scarica il testo del decreto sulla valutazione approvato il 24 agosto dal consiglio dei ministri

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...