La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Quando il ministero parla, la scuola teme

Posted by comitatonogelmini su 18 dicembre 2013

technical-difficulties

da VivalaScuola
18 dicembre 2013

Finalmente anche la ministra Carrozza rilascia la dichiarazione più impegnativa da quando ha assunto il ministero, dopo quella di adeguare le spese italiane per l’istruzione alla media europea: la ministra annuncia una riforma «complessiva su istruzione, università e ricerca, una riforma che non significhi qualche norma sparpagliata dentro decreti vari o emendamenti alla legge di stabilità».

Anche il governo Letta, al momento di presentarsi per il voto di fiducia, ha fatto cenno nel suo programma alla scuola, parlando dell’intenzione di realizzare: licei quadriennali, nuove regole per reclutamento e carriera, potenziamento della scuola infanzia, una costituente della scuola entro giugno.

Ogni volta che i politici annunciano provvedimenti, la scuola comincia a temere.

A volte si tratta di interventi tendenti a ridurre i margini della democrazia scolastica, come la legge delega che dovrebbe riformare gli Organi Collegiali, che dopo essere stata ritirata come collegato alla Legge di Stabilità rispunta all’interno del “decreto semplificazioni: la manovra è stata denunciata prima da Orizzonte Scuola e da Marina Boscaino, poi anche dalla Flc Cgil e da Tecnica della Scuola.

A volte si tratta di tagli di insegnanti, insegnamenti, di ore di lezione, o di anni di lezione. Non si è finito di piangere i tagli della Gelmini, che la ministra dà il via a una sperimentazione di 6 scuole finalizzata al taglio di un anno di scuola: il pretesto è l’adeguamento ai modelli europei, la realtà è che esso comporterebbe un risparmio di 3 miliardi di euro e un taglio degli organici di almeno 80 mila cattedre. La Flc Cgil ha chiesto un incontro urgente alla ministra, a cui chiede l’immediata interruzione della sperimentazione e l’apertura di una fase di ascolto che coinvolga il mondo della scuola e le sue rappresentanze sindacali, professionali e studentesche.

A volte si tratta del blocco del contratto e degli scatti stipendiali, come viene fatto con la Legge di Stabilità. A questo proposito segnaliamo che il Movimento 5 Stelle ha presentato un emendamento che chiede l’esclusione del personale della scuola dal blocco degli incrementi contrattuali. La copertura per le risorse, dicono dal M5S, già esiste e consiste nei fondi dei tagli del 2008.

Ci sono anche i tagli ai fondi per la gestione ordinaria delle scuole, come i tagli al Fondo d’Istituto, decurtato per pagare gli scatti per l’anno 2012. E il cui ammontare comunque è comunicato sempre in ritardo, in modo da impedire alle scuole di predisporre il Piano Annuale entro la data prevista del 15 dicembre.

E tagli sono annunciati al sostegno. Il piano del commissario Cottarelli per tagliare la spesa prevede anche una riduzione dell’organico dei docenti di sostegno da affiancare agli alunni diversamente abili. Il decreto del governo della scorsa estate però, prevedeva esattamente il contrario. Il ministero dice che non era stato informato:

“Nessuno ci ha chiamato, non è certo una nostra idea. Per noi resta valido quanto detto negli scorsi mesi e stabilito nell’ultimo decreto legge sulla scuola: ovvero esattamente l’opposto”.

Il Movimento 5 Stelle, in un comunicato afferma:

Abbiamo la spiacevole sensazione di trovarci di fronte a un bieco gioco delle parti, consumato sulla pelle del sistema di istruzione. Da un lato trapelano notizie sui tagli che potrebbero essere realizzati attraverso la spending review dal commissario Cottarelli, dal’altra il Miur afferma di non sapere nulla a tal proposito, e scarica il barile“.

Intanto non esiste crisi per le spese militari, che aumentano ancora proprio con la Legge di Stabilità.

Una Risposta to “Quando il ministero parla, la scuola teme”

  1. Maria Luisa said

    Ogni volta … che sento il governo parlare di scuola, mi si blocca lo stomaco perchè, per quanto pensi alle cose più catastrofiche che possono fare, loro sono sempre un passo avanti e riescono a fare di PEGGIO!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...