La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Posts Tagged ‘Compresenze’

Cooperazione e tempo pieno

Posted by comitatonogelmini su 30 aprile 2012

 

di Francesco Di Lorenzo
da Fuoriregistro
30 aprile 2012

 

1.

Alla fiera della stupidità siamo invitati tutti. Noi spettatori, s’intende. Infatti, durante una nota trasmissione televisiva, il vice ministro dell’economia Vittorio Grilli ha annunciato che questo governo farà nuovi tagli alla spesa, e che da tali tagli non sarà esentato il Ministero dell’Istruzione. Sulla questione è intervenuta l’ex ministro Mariastella Gelmini, in veste di coordinatrice del PDL, dicendosi contraria, perché la scuola avrebbe già subito tagli pesanti e ‘non la si può più toccare’. Ma guarda un po’? Che cambiamento di rotta! E che lungimiranza politica. Nella tradizione della peggiore Democrazia Cristiana, la ‘facciatosta’ non si pone limiti. E non si premura di munirsi di un grammo di delicatezza, per rispetto degli stupidi in ascolto. Certo è che si può anche cambiare idea. Opportuno, però, che durante la trasmissione qualcuno dei presenti, o un giornalista, avesse chiesto alla ex ministra, “ma non le sembra un po’ strana questa sua occupazione? cambiar così facilmente registro ad ogni passaggio di stagione?” (Fa pure rima). Di sicuro avremmo sentito dalla signora un diniego: ‘no, non mi sembra affatto strano!’. Ma almeno avremmo alimentato il nostro bi-sogno di essere stupidi. Per non pensare, per non pensarci.

2.

Se si cerca un po’ di chiarezza sul ‘tempo pieno’ nella scuola primaria, la risposta potrebbe essere questa: un vanto della nostra scuola è stato sistematicamente smantellato.

Per vent’anni, fino all’arrivo del ministro Moratti, tutto era andato bene, con grande soddisfazione di famiglie e di alunni. Con la riforma scolastica targata Moratti cominciò l’opera di demolizione. Disarticolando l’orario tra docente prevalente e tempo mensa, in pratica la classe fu affidata ad un solo insegnante e, a turno, a vari spezzoni di altri, snaturando in questo modo tutto l’impianto del progetto. (Tale intervento sul tempo pieno allora venne denominato, non a caso, operazione ‘spezzatino’).

Con l’arrivo di Fioroni si ritornò al vecchio impianto, con il doppio insegnante e nessuna prevalenza. Ma durò pochissimo, perché poi arrivò la ‘tromba d’aria’ Gelmini.

Sul tempo pieno il penultimo ministro ha lasciato il doppio insegnante, però, nelle ore di compresenza, le maestre possono essere impiegate in altre classi. Devono, per esempio, aiutare le classi in difficoltà organizzative. E poiché tagli e difficoltà vanno di pari passo, risulta, dall’ultimo monitoraggio pubblicato dal Miur, che il 50% delle classi a tempo pieno non usufruisce della compresenza. Mandando a farsi benedire il principio per cui era nato.

Il bello, però, è che in tutto questo ‘balletto di va e vieni’, la domanda di iscrizioni al tempo pieno è sempre aumentata. Segno che le famiglie italiane vorrebbero che funzionasse come una volta o preferibilmente, meglio di una volta. Ma chi le ascolta?

Il ministro Profumo in uno degli ultimi discorsi ha detto che il suo ministero dovrà passare dall’essere un ‘ministero autorizzativo’ a un ‘ministero cooperativo’ e ‘operativo’. La prima occasione di cooperazione con le famiglie, è far rifiorire il tempo pieno. La sfrutti!

Annunci

Posted in Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Assemblea di tutto il personale delle scuole a tempo pieno del comune di Padova

Posted by comitatonogelmini su 11 settembre 2011

di FLC CGIL Scuola Padova
11 settembre 2011

ASSEMBLEA

di tutto il personale docente e ata delle scuole primarie A TEMPO PIENO di PADOVA CITTA’

GIOVEDI’ 15 settembre 2011

dalle ore 14,30 alle ore 16,30

presso l’I.I.S “Scalcerle” – via Cave 174

 
CHE FINE HA FATTO IL MODELLO EDUCATIVO-DIDATTICO  DEL TEMPO PIENO A PADOVA?
Il punto della situazione nelle scuole, come affrontare il nuovo anno scolastico.
All’assemblea sono invitati i dirigenti scolastici delle scuole primarie a tempo pieno di Padova
Scarica il volantino dell’iniziativa

Posted in Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Il passato ai giovani

Posted by comitatonogelmini su 21 gennaio 2010

di Claudia Fanti
da retescuole
20 gennaio 2010

 

 

 

Cosa si potrebbe lasciare come eredità alla scuola futura, per un Italia futura, nel trascorrere del tempo che incalza al cambiamento?

Si fanno enunciazioni, pronunciamenti, catilinarie di vario tipo, lo sappiamo; leggiamo su quotidiani e riviste ogni giorno, ascoltiamo discorsi di personalità, politici, ministri che si susseguono, varie raffinatezze di colore e gusto diversi.

A sentire uno e a seguire l’altro ci si perde nel bosco di sentenze, percentuali, indagini sui risultati di test e sondaggi, ma…ciò che non si vede mai è l’intenzione di capire la realtà scolastica alquanto diversificata sul territorio italiano. Non si comprende come mai nei vari discorsi delle persone che stanno al comando della baracca non ci sia mai un riferimento alla ricerca scientifica, pedagogica, all’esperienza di ispettori scolastici quali Cerini, Boselli, Tiriticco, ecc., oppure alle parole dei dirigenti scolastici che lavorano quotidianamente a contatto con scuole di qualità, o a docenti che si misurano con le organizzazioni interne e riescono a produrre insegnamenti di grande rilevanza coordinando e conducendo gruppi di alunne e alunni in porti protetti sia sul versante del cognitivo sia del relazionale…

Berlinguer, Moratti, Fioroni, Gelmini per la loro prevalente natura di politici provenienti da settori lontani dalla scuola elementare hanno saputo e/o voluto annusare un’aria qualunquista di ipotesi e di affermazioni provenienti da bar e negozi di paese
; sicuramente alcuni di loro non hanno preso visione direttamente dei programmi dell’85 (accusati spesso ingiustamente di cognitivismo esasperato, altro che ’68!), dei moduli e dei tempo pieno migliori, certamente non hanno tarato le loro politiche scolastiche su ciò che funzionava. Hanno semplicemente tagliato. E se Berlinguer aveva un’idea abbozzata, forse troppo affrettatamente- semplicisticamente (da molti criticata), di continuità fra gli ordini, la Moratti un pedagogista di riferimento in Bertagna, Fioroni una capacità attendista per non distruggere ciò che restava dalle devastazioni precedenti, la Gelmini ha ora, fin dall’inizio del suo insediamento, un ruolo passatista, un orecchio rivolto al buon sensismo di strada. Maestro unico o prevalente che dir si voglia, orari ridotti per le materie e per gli insegnamenti, voti, ecc…hanno azzerato del tutto il rimanente del rimanente…Ora salta fuori “Italia Futura” a cercare le cause di ciò che non va, e le trova in un concetto di autonomia che sarebbe stato soltanto devastante, in un periodo di perdurante riformismo, nell’incapacità delle Indicazioni di far fare apprendimento-insegnamento unitario nel Paese, in una non adeguata preparazione universitaria dei futuri maestri…

Bene, ritengo che si sia perduta la bussola, insieme con il ministro Castelli che risponde alle problematiche dei precari con il suo “c’era una volta una scuola che funzionava con 44 alunni per classe!” Se è per questo anche con 56 (la mia mamma maestra si destreggiava in un paesino del faentino con tanti alunni, in una pluriclasse! Personalmente frequentavo una classe silenziosissima di 36, tutti in fila e abbondantemente “picchiati”!)…
Altro che saperi del nuovo millennio![…]
Leggi il seguito di questo post »

Posted in Mozioni & Delibere, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cronaca di una scuola annunciata. Un insegnante racconta…

Posted by comitatonogelmini su 31 ottobre 2009

pesce

 

 

di Ciotaldo
da www.scuolaoggi.org

 

 

Riprendo quest’anno, come insegnante, un nuovo ciclo con la prima elementare. L’emozione è sempre forte, la voglia di ripartire  grande come fosse la prima e non la terza o quarta volta che ricomincio.

I bimbi piccoli entusiasmano sempre, danno un senso di rinnovamento, di potenzialità in fieri che non puoi trascurare e ti prepari: riprendi i sacri testi e rinsaldi le tue certezze pedagogiche;  t’immergi poi nei nuovi testi per un  aggiornamento che ringiovanisca la didattica, le dia una sferzata moderna che sappia cogliere il  modo di apprendere dei bimbi nuovi. 

Programmi, prendi appunti, metti da parte idee interessanti, riordini storie, filastrocche, fiabe, giochi che sono stati da sempre affascinanti cavalli di battaglia, brani musicali, ritmi, drammatizzazioni.

Per buona parte dell’estate il pensiero e le azioni vanno in quella direzione. Ci pensi anche la notte, ti svegli all’alba con due o tre idee luminose e soddisfatta accumuli nella tua cartellina di lavoro. 

Intanto cerchi di prefigurarti come saranno questi bimbetti. E così ci attendiamo.

Arriva settembre. A due giorni dalla prima campanella conosci la tua collega. Sembra bene, ha entusiasmo, è sorridente, è esperta di musica. 

Non resta molto tempo e ci affanniamo a sistemare l’aula. Vogliamo un ambiente accogliente: negli angoli creiamo punti di conforto: l’angolo della lettura con un tappeto, dei cuscini (il tutto recuperato a casa) e una piccola libreria; l’angolo del “dipingo, taglio, costruisco” con un tavolo arredato di colori, pennelli, cartoncini e quant’altro; l’angolo del contare con un tavolo ricco di bottoni, pietre colorate, tombole, giochi da tavolo. Nella testa il caro Freinet con Ciari, Lodi, antichi maestri.

Un tavolo con qualche piantina sarà l’area giardino e completa l’atmosfera una boule di vetro con tre pesci rossi, antica tradizione che mi ha sempre accompagnata per ogni generazione di bimbi nuovi.

Domani, un po’ prima del suono della campanella, ci spolmoneremo a gonfiar su un po’ di palloncini colorati, uno per bambino.

Intanto sistemiamo in cerchio, al centro dell’aula, 24 sedioline, tante quanti sono i bimbi più due per noi. Pensiamo così di creare un’atmosfera più intima per le prime conversazioni, magari con i pesci rossi al centro, per fare amicizia.

I banchi li potremo addossare al muro. Ma per ora questo problema non c’è perché non ci sono banchi da addossare, non sono ancora arrivati i banchi. 

Il segretario dice di averli ordinati ai primi di luglio, quando ho detto che mancavano, ma dal Comune ancora nessun invio. Chiedo di sollecitare. Lo ha fatto. Siamo speranzosi. Forse domani. Intanto, per l’atmosfera, va bene così.

Il primo giorno va alla grande: i pesci primi attori sbloccano le nostre emozioni e avviano calde conversazioni. Nessuno piange, tutti carichi di aspettative. Bello.

Esploriamo insieme la scuola, raccontiamo una storia e su quella scia sistemiamo per terra quattro cartelloni, come fossero tavoli da lavoro, e lì per piccoli gruppi anche loro ci raccontano una storia a colori. E’ ancora estate, per terra si sta bene.

Poi c’è la terrazza per i giochi insieme, giochi di conoscenza.

Viene a trovarci la Preside. Dopo i saluti di rito si accorge della  assenza dei banchi. Impegna la bidella per  una ricerca a tappeto di tutti i possibili banchi ‘piccoli’ disponibili nel piano. Il risultato arriva verso le ore 13 con una raccolta di tavoli di varie misure, non tutti compatibili con le sedie a disposizione e comunque non sufficienti per il numero di alunni. Con rammarico siamo costrette a rinunciare ai nostri angoli creativi per arrivare al numero di tavoli necessari. L’ottimismo non ci abbandona.

Una volta sistemati i posti ci rendiamo conto che 22 sono proprio tanti, ci resta ben poco spazio per organizzare piccoli gruppi di lavoro o per lasciare gli alunni  liberi di organizzarsi: si passa a stento. Bisognerà uscire dalla classe per dividersi  in gruppi: già, ma  anche questo sarà di difficile realizzazione senza le nostre ore di compresenza. […] Leggi il seguito di questo post »

Posted in Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pordenone: la protesta No Gelmini non va in ferie!

Posted by comitatonogelmini su 8 luglio 2009

bambino con libriEstate, caldo, aria di vacanze. Tuttavia le mobilitazioni a difesa della scuola (e non solo, come abbiamo visto…) continuano.

Riportiamo un articolo di Carta Estnord (del settimanale Carta) sulla situazione di Pordenone.

“Sono arrivate con striscioni e cartelli e con i loro bambini. È un lunedì di sole e pioggia, un lunedì d’estate in cui la protesta non va in ferie. Il sindaco di Pordenone Sergio Bolzonello aspetta una delegazione di mamme nel suo ufficio, tutte le altre stanno lì, sotto il municipio, coi bambini che saltano e giocano, a veder sfilare uno a uno i consiglieri comunali che entrano in consiglio. Sono determinate e soprattutto molto preparate sugli effetti che la riforma Gelmini avrà sull’istruzione primaria dei loro figli.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Senza compresenze il servizio mensa e i rientri pomeridiani non si potranno fare !!!

Posted by comitatonogelmini su 4 febbraio 2009

Martedì 10 febbraio 2009
attacchiamo l’adesivo sul buono pasto
tutti insieme, in tutte le scuole

buono pasto senza compresenze non si potra' fare

Scarica il volantino o la striscia da distribuire INSIEME ALL’ADESVIO nella tua scuola (e la locandina da appendere) !

Per richiedere nuovi adesivi invia una mail a comitato.nogelmini@gmail.com

NEWS: clicca qui per stampare e ritagliare in proprio gli adesivi
(puoi stamparli su carta adesiva oppure attaccarli con la colla o una graffetta: l’importante è farlo arrivare!
Tutti i buoni pasto consegnati ogni giorno nelle scuole vengono poi recapitati negli uffici comunali competenti)

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Comitato/Iniziative, Segreteria, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Una festa, le seconde generazioni e la riforma Gelmini

Posted by comitatonogelmini su 26 gennaio 2009

zorba e la gabianellaLa lettera di Giulietta Poli, insegnante e referente del Progetto Accoglienza del VII Istituto Comprensivo di Padova, in risposta ad un intervento di un esponente del PDL pubblicata su ‘Il Mattino’, sul valore delle compresenze a scuola.

Alla cortese attenzione de Il mattino di Padova
con gentile richiesta di pubblicazione

– Una festa, le seconde generazioni e la riforma Gelmini –

Qualche giorno fa sono stata invitata a partecipare alla festa per i 18 anni di una mia ex alunna di origine peruviana.
Ovviamente c’erano molti ragazzi adolescenti , giovani ventenni o poco più.
Tra di loro anche alcuni cugini della ragazza festeggiata, anche loro miei ex alunni nel laboratorio linguistico per l’apprendimento dell’italiano come seconda lingua del mio Istituto.
C’erano giovani di “seconda generazione” e ragazzi, figli di coppie miste, che stanno tra le terre di mezzo, peruviani, colombiani, ecuadoriani, ivoriani ed altro ancora.
Ragazze e ragazzi puliti, sani e cortesi, perfetti bilingue se non di più.
Li ho osservati con una sorta di fervida e calda speranza nel cuore; in loro ho visto, eleganti o sportivi che fossero, bianchi, neri o “meticci”, i nostri Cittadini di domani.
E mi sono piaciuti, forse molto più di quanto mi piacciano altre cose di questo paese.
Mi piace pensare ad un futuro per loro e con loro. […] Leggi il seguito di questo post »

Posted in Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Padova: non ci arrenderemo !!!

Posted by comitatonogelmini su 19 gennaio 2009

senza compresenze questo non si può fareAssemblea
del Comitato genitori e insegnanti

Martedì 27 gennaio 2009 – ore 20.45

presso
la
Scuola media Pacinotti
Via De Cristoforis 2 – Zona Stanga

Scarica il volantino
Vai alla mappa

 In ogni scuola martedì 10 febbraio attacchiamo sui buoni pasto dei nostri bambini un adesivo che ricordi anche a chi ci amministra quali sono i seri rischi che corriamo a partire dal futuro settembre se le cose non cambiano.
Per poter coordinare questa iniziativa e tutte le altre che il nostro Comitato da mesi conduce a Padova e provincia, per poter ritirare gli adesivi da portare ai genitori delle vostre scuole, vi invitiamo a partecipare alla prossima riunione.

Posted in Comitato/Riunioni, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »