La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Posts Tagged ‘Legge di iniziativa popolare’

Costruiamo anche a PADOVA il Comitato cittadino promotore della campagna referendaria sociale GIOVEDI 10 Marzo alle ore 21.00

Posted by comitatonogelmini su 2 marzo 2016

sfondo_fiori_1280x800

3 marzo 2016

ARRIVA LA PRIMAVERA

COSTRUIAMO QUELLA DEI DIRITTI

Campagna referendaria per il diritto all’istruzione pubblica, per il rispetto della democrazia e della tutela dell’ambiente

Si parte, finalmente.

Raccolta delle firme dal mese di aprile; 4 quesiti definitivamente concordati, che nei prossimi giorni verranno depositati in Cassazione; una compagine composita ma coesa, costituita da Comitato nazionale di sostegno alla LIP per una buona scuola per la Repubblica, Flc-CGIL, Cobas, Gilda, Unicobas, USB, SGB, CUB, Il sindacato è un’altra cosa (area congressuale Flc-CGIL), UdS, Link, Coordinamento nazionale Scuola della Costituzione, Associazione nazionale per la Scuola della Repubblica, Adam, Adida, AND, Mida, Retescuole, Cesp, Illumin’Italia.

IL REFERENDUM SULLA SCUOLA È DEFINITIVAMENTE COSA CERTA

Ecco sinteticamente cosa proporranno i quattro quesiti abrogativi.

 SCHOOL BONUS: si chiederà di cancellare un beneficio di fatto riservato alle scuole private: le erogazioni liberali non dovranno più essere riservate alle singole scuole, ma all’intero sistema scolastico, scongiurando così anche la possibilità che le scuole private sfruttino tali meccanismi per eludere le tasse su una parte delle rette;

 POTERI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: formulazione che abroghi la chiamata diretta degli insegnanti da parte del dirigente scolastico sugli ambiti territoriali per incarichi solo triennali;

– ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: abrogazione dell’obbligo di 200 ore nei licei e 400 ore nei tecnico-professionale, lasciando le scuole libere di organizzare tali attività come hanno sempre fatto;

 VALUTAZIONE DEL MERITO DA PARTE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: abrogazione parziale dei relativi commi, allo scopo di ripristinare le funzioni precedenti del comitato di valutazione secondo il T.U. (Dl 297/94) e attribuzione del fondo per la valorizzazione dei docenti alla contrattazione.

Si tratta soprattutto di rilanciare un nuovo modello sociale per contrastare quello che il Governo Renzi ha affermato a colpi di voto di fiducia nelle principali zone di espressione dell’interesse generale: ambiente, diritti, scuola, democrazia.

Affinché la parola ritorni ai cittadini, il referendum contro la 107 si collocherà perciò in una campagna allargata e plurale, che verrà lanciata da un’assemblea nazionale il 13 marzo, a Roma: oltre ai quesiti sulla scuola, uno per fermare gli incentivi alla privatizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici locali; uno per cambiare le politiche ambientali, a partire dallo stop definitivo alle trivellazioni petrolifere in terra e in mare, opzione “trivelle zero”.

Referendum comuni capaci di rafforzare la mobilitazione sociale che in questi anni ciascun movimento e soggetto sociale, con la propria autonomia e i propri percorsi, ha portato avanti.

Referendum comuni capaci di estendere la sensibilizzazione e il coinvolgimento diretto delle persone, e di disegnare un altro modello sociale, riaprendo la strada alla speranza di un futuro diverso per tutte e per tutti.

La cornice è quella del contrasto all’attacco frontale alla democrazia, che vede – dal referendum confermativo ai due quesiti sull’Italicum – la necessità di dire no al disegno autoritario del governo, che rafforza il potere esecutivo in palese violazione dei principi fondamentali della Carta Costituzionale e della Repubblica.

 Costruiamo anche a PADOVA

il Comitato cittadino promotore della campagna referendaria sociale

GIOVEDI 10 Marzo alle ore 21.00

c/o Sala Caduti di Nassiriya – Piazza Capitaniato

Scarica qui il volantino ed aiutaci a diffondere l’iniziativa

Comitato padovano di sostegno alla LIP Scuola – Cobas Scuola Padova – FLC CGIL Padova
Gilda degli insegnanti Padova – Comitato provinciale 2 Si Acqua Bene Comune Padova
CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica Padova
Autoconvocati Scuola Padova/Coordinamento Scuole in mobilitazione

Posted in Comitato/Iniziative, Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comunicato Stampa: comincia la campagna referendaria

Posted by comitatonogelmini su 28 febbraio 2016

7bianco

di Comitato a Sostegno della Legge di Iniziativa Popolare

per una Buona Scuola per la Repubblica

28 febbraio 2016

Si parte, finalmente. Raccolta delle firme dal mese di aprile; 4 quesiti definitivamente concordati, che nei prossimi giorni verranno depositati in Cassazione; una compagine composita ma coesa, costituita da Comitato nazionale di sostegno alla LIP per una buona scuola per la Repubblica, Flc-Cgil, Cobas, Gilda, Unicobas, USB, SGB, CUB, Il sindacato è un’altra cosa (area congressuale Flc-CGIL), UdS, Link, Coordinamento nazionale scuola della Costituzione, Associazione nazionale per la Scuola della Repubblica, Adam, Adida, AND, Mida, Retescuole, CespIllumin’Italia: il referendum sulla scuola è definitivamente cosa certa.

Sabato 27 febbraio 2016 la riunione di insediamento del Comitato Promotore costituito a Napoli nell’assemblea del 7 febbraio ha sciolto definitivamente le riserve residue su due dei quesiti – a proposto del comitato di Valutazione e dell’Alternanza Scuola Lavoro – e ha dato il via – dal punto di vista dell’organizzazione – al percorso che si propone di abolire alcune delle parti più pericolose della legge 107 e, al contempo, di concentrare nuovamente l’attenzione del Paese sulla cosiddetta Buona Scuola, che tanti problemi sta creando al sistema scolastico, ribadendo il proprio fiero contrasto alla visione aziendalista che la nuova legge accoglie.

In attesa che i costituzionalisti che hanno lavorato al comitato tecnico scientifico formulino definitivamente i quesiti che verranno depositati e stampati sui moduli per la raccolta delle firme, ne segnaliamo i contenuti:

School bonus: si chiederà di cancellare un beneficio di fatto riservato alle scuole private: le erogazioni liberali non dovranno più essere riservate alle singole scuole, ma all’intero sistema scolastico, scongiurando così anche la possibilità che le scuole private sfruttino tali meccanismi per eludere le tasse su una parte delle rette.

Poteri del dirigente scolastico: formulazione che abroghi la chiamata diretta degli insegnanti da parte del dirigente scolastico sugli ambiti territoriali per incarichi solo triennali.

Alternanza scuola-lavoro: abrogazione dell’obbligo di 200 ore nei licei e 400 ore nei tecnico-professionali, lasciando le scuole libere di organizzare tali attività come hanno sempre fatto;

Valutazione del merito da parte del dirigente scolastico: abrogazione parziale dei relativi commi, allo scopo di ripristinare le funzioni precedenti del comitato di valutazione secondo il T.U. (Dl 297/94) e attribuzione del fondo per la valorizzazione dei docenti alla contrattazione.

Si tratta soprattutto di rilanciare un nuovo modello sociale per contrastare quello che il Governo Renzi ha affermato a colpi di voto di fiducia nelle principali zone di espressione dell’interesse generale: ambiente, diritti, scuola, democrazia.

Affinché la parola ritorni ai cittadini, il referendum contro la 107 si collocherà perciò in una campagna allargata e plurale, che verrà lanciata da un’assemblea nazionale il 13 marzo, a Roma: oltre ai quesiti sulla scuola, uno per fermare gli incentivi alla privatizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici locali; uno per cambiare le politiche ambientali, a partire dallo stop definitivo alle trivellazioni petrolifere in terra e in mare, opzione “trivelle zero”.

Referendum comuni capaci di rafforzare la mobilitazione sociale che in questi anni ciascun movimento e soggetto sociale, con la propria autonomia e i propri percorsi, ha portato avanti.

Referendum comuni capaci di estendere la sensibilizzazione e il coinvolgimento diretto delle persone, e di disegnare un altro modello sociale, riaprendo la strada alla speranza di un futuro diverso per tutte e per tutti.
La cornice è quella del contrasto all’attacco frontale alla democrazia, che vededal referendum confermativo ai due quesiti sull’Italicumla necessità di dire no al disegno autoritario del governo, che rafforza il potere esecutivo in palese violazione dei principi fondamentali della Carta Costituzionale e della Repubblica.

Posted in Comitato/Iniziative, Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

ANCHE A PADOVA AGGIORNIAMO LA LIP PER VINCERE IL REFERENDUM: all’abrogazione della 107 affianchiamo la nostra idea di una scuola davvero buona

Posted by comitatonogelmini su 19 febbraio 2016

class_more_f08

di Comitato padovano a sostegno della LIP Scuola

19 febbraio 2016

Nei lunghi mesi passati siamo stati impegnati nella lunga campagna contro la Pessima scuola.

Per fortuna come bagaglio di viaggio indispensabile per contrastarla – sia nelle scuole che nelle piazze che in Parlamento – avevamo il faro della Lip.

Ora che la Pessima scuola è legge raccoglieremo le firme per abrogarla tramite un referendum.

In questa fase avremo bisogno, ancora e di più, di una nuova Lip che affianchi la nostra lotta “contro” dandole spessore e prospettiva “per”. Solo affiancando la richiesta di cancellazione della “loro” scuola incostituzionale con una diversa idea di scuola di e per tutte e tutti potremo convincere e vincere.

Abbiamo un compito di grande responsabilità, impegno e difficoltà che dobbiamo essere in grado di svolgere e assolvere in tempi rapidi: l’aggiornamento/riscrittura di parti significative della legge “per una Buona scuola della repubblica” e fare in modo che possa tornare ad essere una nuova “legge di iniziativa popolare”.

I 9 nuclei tematici su cui lavorare ed i referenti (a cui indirizzare una mail per essere inseriti nel/nei gruppi di discussione), sono i seguenti:

1) Formazione e Valutazione: Eliseo Tambone (Corato) eliseotambone@alice.it , Giorgio Tassinari (Bologna) giorgio.tassinari2@gmail.com, Anna Carminetti  annacarminetti@libero.it

2) Obbligo: Carlo Salmaso (Padova) gioca.salmaso@tin.it

3) Diritto allo studio, gratuità: Danilo Lampis (Uds) danilolampis93@gmail.com

4) Biennio unitario: Maria Guagliardito (Palermo) maria.guagliardito.mg@gmail.com

5) Nidi e infanzia: Luisa Giovagnini (Città di Castelllo): diecincondotta@gmail.com

6) Autonomia e organi collegiali: Alvaro Belardinelli (Roma): alvaro.belardinelli@alice.it

7) Sostegno: Cinzia Valentini (Pesaro) cinval7@gmail.com, Daniela Costabile (Lamezia) danielacostabile@gmail.com

8) Ata: Stefano Stronati (Bracciano) s.stronati@tiscali.it

9) Laicità: Antonia Sani (Roma)  antonia.sani@alice.it, Daniele Angelini (Gorizia)  pictorprimero@gmail.com

Ai referenti spetterà il compito di organizzare, gestire e moderare la mailing list del loro gruppo tematico e rendere conto dello stato della discussione con l’ottica e l’obiettivo di pervenire infine a conclusioni sotto forma di articoli di legge semplici, chiari e comprensibili da proporre all’approvazione nell’incontro conclusivo “deliberante” a marzo a Roma.

GIOVEDI 25 febbraio alle ore 21.00

presso la sede dell’ADL Cobas in Viale Cavallotti 2

Posted in Comitato/Riunioni, Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontri nazionali del 6 e 7 febbraio a Napoli

Posted by comitatonogelmini su 12 gennaio 2016

scuolabus

di Comitato Nazionale a sostegno della LIP Scuola

L’assemblea nazionale tenutasi a Roma il 29 novembre 2015

presenti rappresentanti dei Comitati per il sostegno alla Lip scuola, Docenti autoconvocati Cosenza, Autoconvocati Scuola Roma e Lazio, Adida, Associazione Nazionale Docenti, Associazione Difesa Scuola Pubblica Vicenza, Coordinamento Regionale Campano Lavoratori della Scuola, USB PI Scuola, Cobas, Coordinamento Nazionale per la Scuola della Costituzione, Associazione Nazionale per la Scuola della Repubblica, Associazione docenti abilitati per merito (ADAM), Retescuole, Unione degli Studenti, Unicobas, Illumin’Italia, Cub scuola, CUB Pubblico Impiego, Insegnanti Calabresi, Partigiani della Scuola Pubblica, Flc Cgil, No Invalsi, Il Sindacato è un’altra cosa, Usi, Associazione Nazionale Insegnanti Diplomati, Comitato Genitori Insegnanti per la Scuola Pubblica Padova, Rete della Conoscenza, Cogede Genova, Cps Napoli, Coordinamento Scuole Viterbo, CPS Roma, Cinecittà Bene Comune, Comitato bolognese Scuola e Costituzione, Assemblea Genitori e Insegnanti di Bologna e Provincia, Associazione per una nuova primavera della scuola pubblica, Cisp Roma, Crides Roma, Mida Precari, Coordinamento docenti provincia di Latina (CSL), Gilda degli Insegnanti, PrimalePersone

ha deliberato

di convocare un nuovo incontro nazionale, che si terrà domenica 7 febbraio 2016 a Napoli per costituire il comitato proponente che, sulla scorta delle indicazioni del comitato tecnico scientifico, individui i testi dei possibili quesiti referendari abrogativi del testo della Legge 107/201.

I 37 comitati a sostegno della Lip Scuola si danno appuntamento il 6 febbraio 2016 a Napoli per riprendere tutti insieme il percorso per l’attualizzazione del testo del 2006 in vista di una possibile nuova raccolta di firme per riproporre una nuova legge di iniziativa popolare per una buona scuola per la Repubblica.

Entrambi gli incontri si terranno alla

Sala del Capitolo,complesso monumentale di San Domenico Maggiore 

Vicolo San Domenico Maggiore, 18NAPOLI

dalle ore 10.00 alle ore 18.00

(da piazza Garibaldi: Metro L1 – stazione Università, o Bus R2, o Metro L2 – stazione Cavour)

Tutti coloro che hanno a cuore le sorti della scuola pubblica sono caldamente invitati a partecipare!

Si prega di comunicare la propria adesione a: info@lipscuola.it

Scarica e fai circolare il volantino !

Posted in Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tre riflessioni, tre proposte

Posted by comitatonogelmini su 27 settembre 2015

megliolalip_ferrara

di Comitato Nazionale di Sostegno alla Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica
27 settembre 2015

Abbiamo partecipato e contribuito al grande movimento di lotta e di opposizione alla “Pessima scuola” renziana.
Ora che la Legge 107 è approvata ed cominciano ad essere concreti i suoi primi effetti nefandi, sentiamo la necessità di esprimere alcune riflessioni che intendiamo mettere a disposizione di tutti perché possano essere considerate, rigettate o condivise, ma comunque dibattute.

A nostro modo di vedere ci sono in particolare tre cose urgenti da fare nelle scuole nei prossimi giorni per continuare a contrastare questa legge incostituzionale.

RAPPORTO COI GENITORI e più in generale con l’opinione pubblica.
Questa “riforma”, grazie all’aiuto dei mass media e delle semplificazioni propagandistiche, è stata ben “venduta”, a cominciare dall’appeal persuasivo del titolo dell’intera operazione – la Buona Scuola: investimenti, assunzioni, valorizzazione del merito, poteri e strumenti per una migliore “organizzazione”; l’opposizione degli insegnanti dipinta come conservazione dell’esistente, rinuncia a presunti privilegi, volontà di sottrarsi ad essere valutati, pretesa ad avere un posto di lavoro fisso vicino a casa…
Va autocriticamente riconosciuto che, se siamo riusciti a creare un pressoché totale fronte unitario dei docenti, non siamo riusciti ad avere l’appoggio convinto dei genitori, come invece successo per le riforme Moratti e Gelmini; nel migliore dei casi i genitori l’hanno vista da spettatori “neutrali”, come una battaglia che riguardasse solo i docenti.
Occorre recuperarli al nostro fianco, cercando di far capire loro che la scuola che ci viene oggi imposta (nonostante il dissenso argomentato e civile) non migliora l’esistente ma lo peggiora – sia nelle sue ricadute immediate che in prospettiva – e che va contro i loro stessi bisogni ed interessi.

Occorre coinvolgere i genitori informandoli, organizzando volantinaggi ed assemblee in tutte le scuole, incontri pubblici in tutte le città.
Partendo dalla denuncia – per nulla “ideologica”, da ciascuno immediatamente e concretamente riscontrabile – che nulla di quanto magicamente promesso è stato realizzato, nessuno dei veri problemi è stato affrontato: non è stata debellata “la supplentite”; sono aumentate le cattedre vacanti; è ulteriormente diminuita la “continuità didattica”; sono rimaste le classi pollaio ed insicure; ha continuato ad essere negato il tempo pieno alle tante famiglie che lo hanno chiesto; il contributo “volontario”, nella migliore delle ipotesi, non diminuirà…
Anzi, a questi si sono aggravati e aggiunti, “per legge”, problemi nuovi: la mancata sostituzione dei docenti il primo giorno e dei bidelli i primi sette giorni di assenza amplifica e legittima le trasmigrazioni in altre classi, nega la continuità didattica di ospitati ed ospitandi, pone gravi problemi di sicurezza e vigilanza.
Per arrivare anche e poi a denunciare come l’attacco alla libertà di insegnamento – tramite un possibile controllo “ideologico” di un Dirigente “manager” onnipotente – limiti il diritto e la libertà di apprendimento dei loro figli. Come l’accentramento del potere nelle mani di uno solo renda un orpello la partecipazione democratica dei genitori al governo della scuola. Come la mancanza di risorse renda le scuole dipendenti da “benefattori” difficilmente disinteressati. Come gli “school bonus” ad una scuola siano per il 65% a carico dell’intero corpo sociale. Come le private traggano enormi vantaggi e favori a spese delle scuole pubbliche che, per finanziarsi, dovranno sempre di più “mettersi sul mercato” e raccogliere bollini ovunque. Come il fine ultimo di questa “riorganizzazione” sia l’eliminazione dell’uguaglianza delle opportunità delle scuole e quindi dell’eguaglianza delle opportunità per i ragazzi sancita dalla Costituzione e la creazione di poche scuole privilegiate nei quartieri bene delle grandi città – destinate alla creazione di un’èlite dirigente – e di tante immiserite e senza speranza destinate alla rapida creazione di manodopera flessibile, precaria, con poca formazione e ricattabile.
Se non ci sforzeremo di far arrivare, tramite le evidenze già verificabili, questi messaggi ai genitori e più in generale a tutta l’opinione pubblica, la lotta di resistenza segnerà il passo e perfino l’eventuale ipotesi referendaria rischierà non solo di essere un insuccesso, ma di allontanare ancor di più la speranza di un riscatto e di un’inversione di tendenza.

I COMITATI DI VALUTAZIONE

Insieme al Ptof (Piano triennale dell’offerta formativa), i Comitati di valutazione sono i primi fondamentali tasselli della divisione e della competizione tra gli insegnanti, la fine dello spirito cooperativo che dovrebbe animare una comunità scolastica.
Allo stato attuale, ovviamente, la posizione più “conveniente” è quella di rimandarne il più possibile anche la sola discussione nei Collegi, forti del fatto che ancora non sono state emanate precise disposizioni applicative.
Ma questo tempo va utilizzato per ragionare e confrontarsi sulle possibili “strategie” di contrasto
Semplificando, le ipotesi in campo sono sostanzialmente due: non collaborazionismo; sporcarsi le mani entrando nella mischia per indirizzarne gli esiti.
La prima ipotesi, da un punto di vista ideale, parrebbe la migliore: se tutte le scuole, se tutti i Collegi docenti, se tutti i docenti rifiutassero di eleggere e far parte dei Comitati di valutazione il segnale sarebbe inequivocabile e di grande forza.
Se però abbiamo l’equilibrio e la concretezza di restare alla realtà e alla fattibilità all’interno delle scuole e non alle speranze e ai proclami fuori di esse, è del tutto intuibile che questa ipotesi potrà realizzarsi in un numero estremamente esiguo di scuole, Collegi docenti, Consigli d’Istituto. Nella ultragrande maggioranza dei casi i Comitati di valutazione saranno eletti e comunque “funzionanti” per la individuazione dei criteri per la valutazione anche senza i docenti
Non senza una dose di sofferenza, ma stando nella concretezza, la via che ci parrebbe più opportuna seguire è quella di non lasciare sdegnosamente in mano ai Dirigenti la composizione e gli indirizzi del Comitato di valutazione, ma di vincolarlo a non premiare un merito qualitativo inesistente ed arbitrario (prima possibilità prevista dalla legge) che sminuirebbe ulteriormente la libertà di insegnamento; a non premiare un merito non oggettivabile se non con la perversione delle performance invalsi (seconda possibilità).
Ma di vincolarlo solamente ed unicamente a “retribuire” il maggior numero di insegnanti sulla base di un loro maggiore impegno orario e di incarichi collegialmente definiti ed attribuiti (usando la terza possibilità della legge alla voce“di coordinamento”), oggi non retribuiti e basati spesso su un puro inaccettabile “volontariato”.
Questo permetterebbe di smontare il “merito” – arbitrario, divisivo, ricattatorio, individualistico e privatistico – a favore di incarichi quantificabili, riconosciuti ed al servizio dell’intera collettività scolastica.

IL PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA
Quei pochi insegnanti in più che verranno dati agli Istituti (altra bugia/propaganda: agli Istituti e non “ad ogni scuola”) potranno essere richiesti ed utilizzati per “fare vetrina” in un’assurda competizione tra le scuole per accaparrarsi “l’utenza” o per tentare di alleviare problematiche e necessità vere.
Noi crediamo che nei Collegi docenti, chiamati a confrontarsi con gli “atti di indirizzo” del Dirigente scolastico, occorra agire con forte determinazione affinché gli insegnanti “in più” siano prioritariamente richiesti ed utilizzati per diminuire il numero degli alunni nelle classi più numerose, per ridare compresenze ai tempi pieni e ai moduli (oggi diventati puri tempi orari e non più modelli pedagogici), per garantire il sostegno necessario ai ragazzi disabili, per alfabetizzare degnamente i ragazzi migranti.
E forse anche in questo potremmo trovare l’appoggio dei genitori, indispensabile per vincere una battaglia che sarà lunga e maledettamente complicata.

Il Comitato nazionale a sostegno della legge popolare “per una Buona scuola per la Repubblica”

Posted in Documentazione, Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Documento conclusivo dell’assemblea degli autoconvocati delle scuole padovane del 31 agosto

Posted by comitatonogelmini su 31 agosto 2015

123

Assemblea degli autoconvocati delle scuole padovane
Coordinamento scuole in mobilitazione Padova
31 agosto

L’assemblea degli autoconvocati delle scuole padovane si è riunita oggi 31 agosto 2015 presso l’Istituto Ruzza di Padova (oltre 100 i presenti) e dopo approfondita discussione ha condiviso e deciso di proporre ai colleghi docenti e ATA di tutte le scuole i seguenti punti, come iniziale mobilitazione contro la legge 107/15 (buonascuola):

  • adesione alle iniziative già programmate a livello regionale dalle organizzazioni sindacali (VolantinoIniziativeUnitarieVeneto) e invito a partecipare alla manifestazione nazionale delle RSU a Roma l’11 settembre
  • partecipazione all’incontro nazionale di Bologna del 5 e 6 settembre (bologna-5-e-6-settembreassemblea) e adesione alla giornata nazionale di mobilitazione del 23 settembre “notte bianca per la scuola”
  • richiesta alle organizzazioni sindacali provinciali di indire unitariamente il 16 settembre, primo giorno di scuola, un’assemblea sindacale provinciale unitaria nelle prime 2 ore di lezione
  • invita le RSU di ogni scuola a indire al più presto (prima dell’inizio delle lezioni) assemblee interne per sensibilizzare/informare i colleghi e organizzare le eventuali iniziative di contrasto alla legge 107
  • se presente nell’odg dei primi Collegi Docenti di settembre la nomina del Comitato di Valutazione, chiedere prioritariamente di rinviarne la nomina/elezione, per poi decidere tra le seguenti strategie quella ritenuta più idonea per la propria situazione:
  1. non nominare alcun componente del Comitato di Valutazione
  2. individuare e nominare colleghi disponibili a limitare esplicitamente il proprio operato alla valutazione del periodo di prova dei neo-immessi in ruolo
  3. in subordine, nel caso il Comitato venga comunque costituito, rifiutarsi individualmente di richiedere la propria valutazione per l’accesso all’incentivo per merito
  • Riguardo all’accettazione degli incarichi per attività aggiuntive, si propone di aprire una discussione all’interno delle singole scuole per valutarne l’opportunità e la praticabilità
  • evidenziare la completa assenza del personale ATA dalle procedure di assunzione e di potenziamento dell’organico
  • sollecitare dirigenti scolastici e DSGA perchè affrontino concretamente il problema della mancata sostituzione per assenza del personale ATA

A chiusura dell’incontro l’assemblea ha approvato una mozione contro la censura dei libri per l’infanzia da parte dei sindaci di Venezia e Padova (mozione-censura-libri)

L’assemblea degli autoconvocati si riconvoca

MARTEDI’ 15 SETTEMBRE ALLE ORE 17 PRESSO L’ISTITUTO SCALCERLE DI PADOVA

                                                il Coordinamento Scuole in Mobilitazione di Padova e Provincia

Posted in Documentazione, Iniziative territorio, Mozioni & Delibere, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bologna, 5 e 6 settembre 2015: Assemblea comitati territoriali LIP e Incontro nazionale di mobilitazione della scuola

Posted by comitatonogelmini su 12 agosto 2015

sito1

di Comitato nazionale di sostegno alla Legge di Inizativa Popolare per una buona scuola per la Repubblica
12 agosto 2015

Il 5 ed il 6 settembre si svolgeranno a Bologna rispettivamente l’Assemblea dei comitati territoriali della LIP (sabato 5) e l’Incontro nazionale di mobilitazione della scuola (domenica 6). Quest’ultimo è stato programmato in occasione del precedente incontro di Roma tenuto il 12 luglio scorso, del quale trovate di seguito un breve resoconto.

SCARICA il documento conclusivo dell’incontro di Roma del 12 luglio Formato Word    

Entrambi gli incontri si terranno dalle 10:00 alle 18:00 presso l’Aula 3 della Scuola di Economia dell’Università di Bologna (Piazza Scaravilli 3) vedi qui
Per coloro che intendono partecipare agli appuntamenti di Bologna pubblichiamo un documento con alcune indicazioni organizzative e logistiche relative alle proposte per pasti ed alloggi:

SCARICA le indicazioni logistiche e organizzative per il 5-6 settembre Formato PDF

Posted in Comitato/Iniziative, Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

INCONTRO NAZIONALE – Roma – 12 luglio 2015: documento conclusivo

Posted by comitatonogelmini su 13 luglio 2015

roma12di Comitato nazionale di sostegno alla Legge di Iniziativa Popolare per una buona scuola per la Repubblica
12 luglio 2015

L’incontro nazionale tenutosi a Roma il 12 luglio, presenti rappresentanti dei comitati Lip e non solo di molte città italiane, nonché di FLC, Gilda, Unicobas, MCE, Cidi, UDS, Rete della Conoscenza, Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, numerosi parlamentari (Alessia Petraglia, Arturo Scotto, Loredana De Petris, Maria Mussini, Fabrizio Bocchino, Stefano Fassina) nonché Vito Meloni, Christian Raimo, Giulia Rodano (rispettivamente di Rifondazione Comunista, Possibile e L’Altra Europa), ritiene la legge appena approvata in via definitiva totalmente inaccettabile perché intende capovolgere l’impostazione costituzionale della scuola di tutti e per tutti, garanzia di uguaglianza e solidarietà, fondata sul principio della libertà di insegnamento.
I partecipanti sono stati più di 90 e sono intervenuti i seguenti comitati locali Lip: Palermo, Bologna, Roma, Ferrara, Viterbo, Lametia Terme, Padova, Milano, Pesaro, Firenze, Teramo, Avellino, Napoli.
Hanno inoltre partecipato: Autoconvocati Roma, Autoconvocati Campania, No Invalsi, Mida Precari, Coordinamento Corato, Illumin’Italia, Comitato Proscuola pubblica Bari, Comitato Sciopero della Fame al Quirinale, Manifesto dei 500, gruppo LS Amaldi Bitetto (Ba), Gessetti Rotti, Coordinamento scuole Viterbo.
L’assemblea ritiene necessario che la lotta contro l’applicazione della legge riprenda con forza dall’inizio del prossimo anno scolastico. A tal fine è opportuno che si affianchino alle iniziative di lotta decise dalle OO.SS. nella loro autonomia altre che sappiano coinvolgere genitori, studenti e tutta la cittadinanza.
L’intervento sulla scuola è solo l’ultimo atto di decenni di attacchi ai diritti e all’intero mondo del lavoro, destinati a diventare sempre più feroci.

La mobilitazionealcune proposte

guardare con favore all’assemblea nazionale delle RSU dell’11 settembre a Roma alla quale si auspica che segua una manifestazione;
riprendere la pratica dell’Assemblea sindacale provinciale il primo giorno di scuola: 2 ore di assemblea e alle 13 manifestazione provinciale;
sollecitare le RSU e le organizzazioni sindacali ad indire il blocco delle attività aggiuntive del personale docente e ATA;
il 23 settembre, equinozio d’autunno, notte bianca per la Scuola Pubblica in tutte le città d’Italia, nella quale le singole scuole organizzino occupazioni, dibattiti, ecc… per tenere alta l’attenzione anche e soprattutto FUORI dalle scuole, coinvolgendo studenti, genitori, cittadini;
spingere per una manifestazione nazionale o più manifestazioni locali in ottobre, possibilmente con uno sciopero generale della scuola;
disubbidienza civile dentro le scuole, ovvero ubbidienza alla Costituzione:
1. aprire una discussione nelle scuole sulla possibilità di rifiutarsi nei Collegi e nei Consigli d’Istituto di eleggere il Comitato di valutazione per la definizione dei criteri del merito; e condividere tale discussione con genitori e studenti;
2. aprire una discussione nelle scuole sulla possibilità di produrre un documento di rifiuto preventivo del Bonus – premio di merito.

La prospettiva da perseguire è quella di provare in tutti i modi a mettere sabbia negli ingranaggi dell’applicazione della legge, tenendo alta la discussione e la consapevolezza. Tutte queste iniziative saranno difficili, ma non impossibili, da gestire; la vera sfida sarà quella di farle continuare, fino ad arrivare all’abrogazione della legge.
Pur essendo consapevole delle criticità legate al referendum, l’assemblea ritiene quella dell’abrogazione referendaria una delle strade da praticare.
L’assemblea decide, pertanto, di convocare un secondo incontro nazionale domenica 6 settembre a Bologna per valutare concretamente se indire un referendum abrogativo, i suoi contenuti, i tempi e i modi per procedere. Tale possibilità deve però nascere a partire dal mondo della scuola, con l’intenzione di allargarsi a tutta la società, nella presunzione/necessità di farne una battaglia generale, culturale e di civiltà in grado di parlare trasversalmente a tutte e tutti, genitori, insegnanti, studenti e studentesse, cittadine e cittadini, capace di collegarsi alle altre iniziative referendarie sui temi di interesse sociale e democratico.
Un referendum da preparare nel migliore dei modi e con i tempi necessari, costruendo alleanze, cercando adesioni nel mondo della cultura, fra le forze sociali, politiche e sindacali, per far sì che massime siano le probabilità di riuscita, anche in considerazione delle conseguenze distruttive che una sconfitta sulla raccolta delle firme o un esito negativo del voto referendario, nonché la possibile non ammissibilità dei quesiti proposti, riverserebbero sulla scuola pubblica.
L’assemblea si esprime, quindi, negativamente sull’ipotesi di organizzare il referendum entro il 30 settembre, a scuole chiuse, con quesiti incompleti, con una tempistica ingestibile e con risultati incerti, se non ancora peggio dannosi, per il proseguimento della lotta comune.
L’assemblea istituisce quale sua articolazione permanente la “Commissione comunicazione e informazione” al fine di valutare le forme più efficaci per una corretta controinformazione.
L’assemblea, infine, fa proprio il documento sull’incostituzionalità della legge redatto dal giudice Imposimato e sottoscritto da autorevoli costituzionalisti.
I comitati a sostegno della Lip Scuola si danno appuntamento il 5 settembre a Bologna per riprendere tutti insieme il percorso, che transiterà attraverso una attualizzazione del testo del 2006 e una possibile nuova raccolta di firme per riproporlo quale legge di iniziativa popolare.

 

Posted in Documentazione, Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Per una mobilitazione unitaria: INCONTRO NAZIONALE – Roma – 12 luglio 2015

Posted by comitatonogelmini su 5 luglio 2015

INCONTRO NAZIONALE

di Comitato nazionale di sostegno alla Legge di Iniziativa Popolare per una buona scuola per la Repubblica
5 luglio 2015

A tutti i gruppi, i comitati, le associazioni e i sindacati che nel paese si sono battuti in vario modo in questi mesi contro il DDL del governo sulla scuola

Per interrogarsi sul da farsi prima dell’inizio della sospensione estiva, sia pensando alla ripresa settembrina sia in riferimento all’annunciato lancio di un referendum abrogativo che giudichiamo intempestivo, velleitario e pericolosamente controproducente, proponiamo un

INCONTRO NAZIONALE
DOMENICA 12 LUGLIO
PER UNA MOBILITAZIONE UNITARIA
ore 10.30 – 16.30
Sala Bianca – Via Flaminia, 53 – ROMA

Metro linea A – fermata Piazzale Flaminio

Ordine del giorno:

possibili, auspicabili iniziative unitarie di lotta da proporre in vista dell’inizio del prossimo anno scolastico
prima valutazione di una proposta di referendum abrogativo, con contenuti da definire, che nascerebbe a partire dal mondo della scuola, ma con l’intenzione di allargarsi a tutta la società, nella presunzione/necessità di farne una battaglia generale, culturale e di civiltà in grado di parlare trasversalmente a tutte e tutti, genitori, insegnanti, studenti e studentesse, cittadine e cittadini. Un referendum da preparare nel migliore dei modi e con i tempi necessari, costruendo alleanze, cercando adesioni nel mondo della cultura, fra le forze sociali, politiche e sindacali, per far sì che massime siano le probabilità di riuscita
riflessioni sul percorso fino a qui unitariamente compiuto

Per adesioni mandare una mail a: gioca.salmaso@tin.it

Scarica qui il volantino ed aiutaci a veicolare l’iniziativa

Comitato nazionale di sostegno all2

 

Posted in Comitato/Iniziative, Iniziative territorio, Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Padova 26 Giugno

Posted by comitatonogelmini su 24 giugno 2015

LE  STES SE  PAROLE

Posted in Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »