La scuola è nostra! Miglioriamola insieme

Comitato genitori e insegnanti x la scuola pubblica – Padova e Provincia

Posts Tagged ‘Migranti’

Padova, gli immigrati scendono dalla facciata del Santo. La Prefettura: “Valuteremo caso per caso”

Posted by comitatonogelmini su 1 marzo 2011

di Elvira Scigliano
da Il Mattino di Padova on line
1 marzo 2011
In tredici sono rimasti ventiquattr’ore sull’impalcatura per i lavori di restauro della facciata della basilica di Sant’Antonio: chiedono il permesso di soggiorno dopo essere stati truffati da un’organizzazione criminale in occasione della sanatoria 2009. Altri quaranta accampati per quattro giorni in piazza Antenore. Venerdì sit-in a Palazzo di Giustizia per consegnare la lettera-appello sottoscritta da molti politici e intellettuali

Sono scesi dall’impalcatura sulla facciata della basilica di Sant’Antonio i tredici immigrati che protestavano per il permesso di soggiorno e la truffa orchestrata ai loro danni con la sanatoria 2009. In Prefettura non hanno detto di sì alle loro richieste, ma hanno garantito che valuteranno caso per caso le situazioni. D’accordo con gli altri extracomunitari che da quattro giorni protestano accampati in piazza Antenore e con i militanti delle associazioni che li sostengono hanno quindi deciso di dare un segnale di distensione.

La potesta comunque non s’interrompe. A parte l’appello sottoscritto da esponenti politici e del mondo della cultura e delle professioni, per venerdì, alle ore 15, è stato convocato un sit-in davanti a Palazzo di Giustizia.

“Il vicario del prefetto non ha accolto le nostre richieste, dunque niente blocco delle espulsioni e nessuna garanzia per la concessione da parte del pm di un permesso speciale per protezione sociale fino alla chiusura dell’inchiesta sulla sanatoria-truffa”, ha dichiarato dopo un paio d’ore di colloquio la delegazione ricevuta a Palazzo Stefano (due immigrati, un esponente dell’associazione Melting Pot e un avvocato). Però un significativo successo parziale c’è stato: “Abbiamo ricevuto l’assicurazione che considereranno caso per caso le espulsioni di chi è stato vittima di truffa dopo la sanatoria del 2009 e ha denunciato il fatto”.

Si apre così una breccia nella situazione degli stranieri – nigeriani, senegalesi e marocchini – che sono scesi in piazza per protestare contro le espulsioni, dopo essere stati truffati da una vera e propria associazione criminale. In piazza Antenore erano quasi duecento persone, di queste una una sessantina immigrati senza permesso di soggiorno, che raccontano di essere stati imbrogliati. Alcuni sventolavano la denuncia, a dimostrazione del coraggio avuto raccontando alle autorità dei truffatori e della speranza di poter essere accolti per lavorare in modo regolare.

Annunci

Posted in Iniziative territorio, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Padova – Migranti sopra la Basilica di Sant’Antonio: da qui non ci muoviamo

Posted by comitatonogelmini su 28 febbraio 2011

da globalproject
28 febbraio 2011
Dopo le risposte negative della Prefettura si spostano dal presidio. SOSTIENI LE LORO RICHIESTE SOTTOSCRIVENDO L’APPELLO

Dopo essere stati ricevuti in mattinata dai responsabili della Prefettura con un nulla di fatto per quanto riguarda un impegno a risolvere la situazione dei migranti che da quattro giorni sono accampati in Piazza Antenore, e sulla garanzia di non essere espulsi in attesa della decisione della Procura sulla concessione dei permessi di soggiorno a chi ha presentato denuncia contro i truffatori, i migranti in lotta contro la sanatoria truffa hanno scelto di salire sulla facciata della Chiesa di Sant’Antonio per rimanervi fino a quando non si troverà una soluzione per le loro richieste.

Sopra la Basilica del Santo campeggia lo striscione: NO ALLE ESPLUSIONI.

Sotto è iniziato il Presidio per tutelare la loro iniziativa.

I migranti hanno chiesto ed ottenuto un incontro con i frati della Basilica che si sono detti solidali e si sono impegnati a far conoscere la vicenda.

Nell’assemblea che si è tenuta nel pomeriggio si è deciso di restare per tutta la notte, fino alla manifestazione di domani, Primo marzo e all’ulteriore appuntamento con il Prefetto.

Le rivendicazioni sono chiare e non possono essere ignorate:

-  la sospensione dei provvedimenti di espulsione per chi ha avuto il coraggio di denunciare i truffatori;
-  lo stop dei rigetti per la doppia espulsione dopo l’ordinanza dell’Adunanza Plenaria dello scorso venerdì.

Queste richieste sono portate anche ai responsabili della Basilica che si impegnano a sostenerle.

STORIA DELLA PROTESTA

La protesta era iniziata venerdì scorso con la decisione dei migranti di sistemarsi con un presidio stabile davanti alla Prefettura per richiedere la sospensione delle esplusioni per chi ha denunciato l’organizzazione criminale che ha agito sulle truffe nella sanatoria.

Fin da venerdì l’Associazione Razzismo Stop invitava tutti ad essere solidali con la protesta, costruendo una presenza stabile attorno al presidio dei migranti.

Sabato, dopo la prima notte, per tutta la giornata si alternavano le presenze al sit-in e al presidio giungeva anche una delegazione dei migranti di Brescia.

Intanto si continuava a far pressione per avere un incontro formale con i rappresentanti della Prefettura.

Dal presidio in questi giorni si è continuato a lanciare l’appello per la giornata del Primo Marzo con l’appuntamento alle ore 17.00 in Piazza Antenore.

SOSTIENI LE LORO RICHIESTE SOTTOSCRIVENDO L’APPELLO che verrà consegnato al Prefetto ed alla Procura
scrivi a rspadova@libero.it

Posted in Iniziative territorio, Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lettera aperta alla città ed alle sue istituzioni

Posted by comitatonogelmini su 25 febbraio 2011

Padova 25 febbraio 2011

Nel corso del mese di settembre 2009, in occasione della procedura di emersione dei rapporti di lavoro domestico sommersi, anche in favore di cittadini extracomunitari irregolarmente presenti sul territorio dello Stato, si sono consumate truffe e raggiri di dimensioni eccezionali in questa città, in questa regione, ed in tutto il paese.

Le rivendicazioni dei migranti, che per lungo tempo hanno occupato una grù nella città di Brescia, ed una torre nella città di Milano, hanno fatto emergere e portato all’attenzione di tutto il paese questa ingiustizia. Alla truffa si è aggiunta l’ingiustizia consumata nei confronti di chi, dopo aver avuto accesso alla procedura, si è visto vanificare la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno da parte di una circolare interpretativa del Capo della Polizia Manganelli, che ha dato il via ad una lunga ed impressionante serie di rigetti dei permessi di soggiorno per gli stranieri precedentemente condannati per la violazione dell’ordine di allontanamento del Questore. Non puoi regolarizzarti proprio in virtù della tua irregolarità diceva la circolare: un paradosso. In queste ore è attesa la decisione plenaria del Consiglio di Stato sulla vicenda.

A Padova ed in Provincia sono centinaia le domande rigettate ma soprattutto sono tante le persone truffate da una vera e propria organizzazione criminale che attendono giustizia. Questa vicenda ci parla del ricatto che quotidianamente preme sulla vita dei migranti, di persone stigmatizzate per il solo fatto di non essere in possesso di un titolo di soggiorno, di chi ha sperato in un futuro migliore anche violando i confini europei, o più semplicemente rimanendo qui, dove ha scelto di vivere, nonostante la crisi si sia portata via il suo titolo di soggiorno per colpa di una legge, la Bossi Fini, profondamente ingiusta.

Chiediamo alla Procura della Repubblica di questa città di concedere alle vittime di questi raggiri un permesso di soggiorno per protezione sociale (ex art 18); alla Prefettura ed alla Questura di Padova una moratoria sui provvedimenti di espulsione nei confronti delle vittime di questa truffa in attesa della decisione della Procura.

Comunità nigeriana di Padova, Comunità senegalese di Padova, Associazione  Razzismo Stop, Fiom Padova, Fiom Veneto, Associazione Difesa Lavoratori USB, Cso Pedro, Reality Shock, Associazione per la Pace, CUI Padova, Coordinamento nessuno è illegale, Comitato Genitori ed insegnanti per la scuola pubblica, Cobas Scuola Padova, C.E.S.P., Carta EstNord
 

 

Posted in Comitato/Iniziative, Iniziative territorio, Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bambini, come i nostri

Posted by comitatonogelmini su 13 maggio 2009

einsteinRiportiamo dal sito dei comitati dell’alto vicentino una riflessione sui respingimenti di questi giorni http://www.salvalascuolapubblica.blogspot.com/

Sul tema migranti segnaliamo la proiezione del film-documentario “Come un uomo sulla terra”, in corso in tutta Italia, con la voce diretta dei migranti africani sulle brutali modalità con cui la Libia controlla i flussi migratori, su richiesta e grazie ai finanziamenti di Italia ed Europa http://comeunuomosullaterra.blogspot.com/  (In Veneto: 13 e 14 maggio – PADOVA – Cinema Multi Astra / 15 maggio – Lido Pellestrina (VE)/ 27 Maggio – VERONA).

La petizione on-line della FLC-CGIL “Noi educhiamo, non denunciamo!http://www.firmiamo.it/noieduchiamoenondenunciamo

Un articolo sulle gravi conseguenze del “pacchetto sicurezza” per i minori dal sito Melting Pot: http://www.meltingpot.org/articolo14452.html

“È l’ordine più infame che abbia mai eseguito. Non ci ho dormito, al solo pensiero di quei disgraziati”, dice uno degli esecutori del “respingimento”. “Dopo aver capito di essere stati riportati in Libia – aggiunge – ci rlavano: “Fratelli aiutateci”. Ma non potevamo fare nulla, gli ordini erano quelli di accompagnarli in Libia e l’abbiamo fatto. Non racconterò ai miei figli quello che ho fatto, me ne vergogno”.

Citate ne La Repubblica del 9 maggio, questa sono le parole dei militari delle motovedette italiane che hanno riportato in Libia oltre 200 extracomunitari, tra i quali 40 donne (3 incinte) e 3 bambini, dopo averli soccorsi mercoledì scorso nel Canale di Sicilia.

Il Ministro Maroni ha definito quest’operazione UN SUCCESSO. […] Leggi il seguito di questo post »

Posted in Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una festa, le seconde generazioni e la riforma Gelmini

Posted by comitatonogelmini su 26 gennaio 2009

zorba e la gabianellaLa lettera di Giulietta Poli, insegnante e referente del Progetto Accoglienza del VII Istituto Comprensivo di Padova, in risposta ad un intervento di un esponente del PDL pubblicata su ‘Il Mattino’, sul valore delle compresenze a scuola.

Alla cortese attenzione de Il mattino di Padova
con gentile richiesta di pubblicazione

– Una festa, le seconde generazioni e la riforma Gelmini –

Qualche giorno fa sono stata invitata a partecipare alla festa per i 18 anni di una mia ex alunna di origine peruviana.
Ovviamente c’erano molti ragazzi adolescenti , giovani ventenni o poco più.
Tra di loro anche alcuni cugini della ragazza festeggiata, anche loro miei ex alunni nel laboratorio linguistico per l’apprendimento dell’italiano come seconda lingua del mio Istituto.
C’erano giovani di “seconda generazione” e ragazzi, figli di coppie miste, che stanno tra le terre di mezzo, peruviani, colombiani, ecuadoriani, ivoriani ed altro ancora.
Ragazze e ragazzi puliti, sani e cortesi, perfetti bilingue se non di più.
Li ho osservati con una sorta di fervida e calda speranza nel cuore; in loro ho visto, eleganti o sportivi che fossero, bianchi, neri o “meticci”, i nostri Cittadini di domani.
E mi sono piaciuti, forse molto più di quanto mi piacciano altre cose di questo paese.
Mi piace pensare ad un futuro per loro e con loro. […] Leggi il seguito di questo post »

Posted in Lettere & Interventi, Tutti i post | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »